Ricerca

Misery

dal capolavoro di Stephen King, una storia che è orrore, claustrofobia, follia

Dal 10 marzo 2021 al 14 marzo 2021
Teatro Stignani IT
Data Ora
10/03/2021 Dalle 21
11/03/2021 Dalle 21
12/03/2021 Dalle 21
13/03/2021 Dalle 15:30
Dalle 21
14/03/2021 Dalle 15:30
Produzione: Fondazione Teatro Due, Teatro Nazionale di Genova, Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale
Autore: William Goldman
Regista: Filippo Dini
Musiche: Arturo Annecchino
Scene: Laura Benzi
Luci: Pasquale Mari
Costumi: Laura Benzi
Traduzioni: Francesco Bianchi
Attori: Arianna Scommegna, Filippo Dini, Carlo Orlando

La storia 

Paul Sheldon è uno scrittore di successo. I suoi romanzi hanno come protagonista Misery, un’eroina ottocentesca dal cuore d’oro. La fama di Paul è indissolubilmente legata a Misery, e questo lo incatena come artista e come uomo. Quando si risveglia dall’incoscienza dopo un terribile incidente stradale, Paul pensa di essere stato fortunato. Anche se non riconosce la casa e il letto dove giace, qualcuno lo ha salvato. Quando poi scopre che a salvarlo è stata Annie, un’abile, materna e premurosa infermiera in pensione, pensa di essere stato molto fortunato…


Lo spettacolo 

Uno dei capolavori di Stephen King, una storia che è orrore, claustrofobia e follia. Una storia che viene presentata con frasi come: “Se siete convinti che l’orrore abbia dei limiti, non conoscete ancora Misery”. Annie, l’infermiera che si trasforma in una carceriera torturatrice che si nutre di pagine scritte, è l’incarnazione della fascinazione e dell’amore che ogni essere umano sente verso le storie, e verso chi le racconta. Misery è un testo senza tempo in cui vengono indagati i meandri della mente umana che cerca le storie, le vuole, le brama, e che di fronte alla fonte di quelle storie non può far altro che innamorarsi e nutrirsi, anche a costo di distruggere.


Il cast

Filippo Dini commenta così il proprio personaggio: “Tra tutti gli scrittori che animano le creazioni di King, Paul Sheldon è il più forte, il più disperato. Prigioniero del suo talento e della sua vocazione, scopre se stesso nel viaggio all’inferno in compagnia di Annie.” Nei panni di quest’ultima troviamo Arianna Scommegna, che dice: “Annie ha le sue ragioni che rivendica con forza e villenza, in modo estremo. Il mio lavoro è quello di sposare totalmente la sua causa, senza mostrare in alcun momento il mio giudizio.” 


Perché vederlo?

“Tra tutti gli scrittori che animano le creazioni di King, Paul Sheldon è il più forte, il più disperato. Prigioniero del suo talento e della sua vocazione, scopre se stesso nel viaggio all’inferno in compagnia di Annie. E lei è semplicemente indimenticabile. È solo per esigenze di trama che è davvero crudele e un po’ sadica, ma il suo tema è il tema cardine di tutta la creazione di King: la magia e l’amore. Annie non è folle, Annie ama alla follia. Annie è l’esasperazione del desiderio e dell’amore per l’arte.” Filippo Dini


Vedi anche

Vai al sito