Ricerca

La notte poco prima delle foreste di Bernard-Marie Koltès

Lo spettacolo più atteso nei teatri italiani

Dal 16 gennaio 2019 al 20 gennaio 2019
Teatro Stignani IT
Data Ora
16/01/2019 Dalle 21:00
17/01/2019 Dalle 21:00
18/01/2019 Dalle 21:00
19/01/2019 Dalle 15:30
Dalle 21:00
20/01/2019 Dalle 15:30
Produzione: Compagnia Gli Ipocriti Melina Balsamo
Autore: Bernard-Marie Koltès
Regista: Lorenzo Gioielli
Attori: Pierfrancesco Favino

La notte poco prima delle foreste di Bernard-Marie Koltès, con Pierfrancesco Favino, è un atto unico per un attore unico. Un piccolo estratto dello spettacolo ha commosso milioni di italiani all’ultimo festival di Sanremo.

“Nella notte poco prima delle foreste, poco prima del punto di non ritorno della nostra umanità, poco prima della fine del mondo, un uomo, uno straniero, un estraneo, un diverso che ha tentato in tutti i modi di diventare un eguale, ferma nella pioggia un ragazzo, che sembra un bambino immacolato - chiosa Lorenzo Gioielli nelle sue note di regia - Qualunque cosa aggiunga e qualunque tentativo di spiegare cosa l’estraneo dice al giovane farebbe un torto a Koltès, a Favino e al pubblico. Le piane e corrette parole servirebbero soltanto a limitare la dolorosa vastità dell’interprete e a minimizzare la sconcertante bellezza del testo”. L’intelaiatura di quest’opera è un paradigma straordinario, un testo fluentissimo e irto nella sua prosa vertiginosa, aliena da punteggiatura ferma, tutta pervasa di anacoluti e biasimi. I temi assoluti di questo autore francese prematuramente scomparso a quarant’anni affiorano in una comunicazione per voce solista, un poema dall’impianto teatrale che tocca i problemi dell’identità, della moralità, dell’isolamento, dell’amore non facile. Un testo di cui Favino dice: "Sono innamorato di questo testo, perché Koltès sceglie di non dare risposte e le sue parole creano immagini, emozioni… direi che è più vicino alla musica. Racconta una storia che riguarda tutti, il bisogno estremo degli altri, dello stare insieme e, al tempo stesso, l’insofferenza dello stare insieme".

 

Vedi anche

Vai al sito